Che Quinto

Lookande riprende il suo viaggio in un locale di Udine in cui i circoli di fighetti radical chic (cit.) e i fascisti (Villari) si sono sempre mescolati. L’ansia di chi vince e di chi perde per 280 voti di scarto scatena pugili groggy di cui il viandante, dall’alto, si disinteressa. La vicenda è ben spiegata…

Stupore

Lookande credeva di saperle tutte e invece si ritrova in un ristorante-galleria. Colori più che piatti, sapori misti-nuovi-puri. Non ogni portata entusiasma, ma ogni portata intriga. Siamo da Elliot, a Manzano. Panorama osservato varie volte quando il locale fu bambino, ma ci troviamo ora nella sezione aggiunta, pure albergo e centro benessere, oltre a una…

Cappuccino e brioche

Da Nando è un tornare a casa. Ma c’è sempre la chicca. Stavolta è quel tocco di Addome, che Ivan mima e poi fa appoggiare su uno spruzzo di cappucci rossi. Poco prima c’era stato il cappuccino salato: la seconda volta, l’invenzione appare ancora più geniale. Della sfilata di cinque-antipasti cito anche la Rosa di…

Influenza

Scriviamo con incolpevole ritardo perché freddati da un virus feroce. Il morbo nulla ha però potuto con la superiore influenza dell’associazione che tutto il mondo invidia e che ha trascinato lookande in versione astenica nel paradiso de La Subida. Serata di estrema bellezza, nella versione con l’Americano, quella del gossip internazionale: tourbillon da Trump a…

Pesce

Gianni è uguale a Lino Banfi. Non fa battute, ma cucina meglio. Meglissimo. «Per il menù arriva lo chef», anticipa al viandante una ragazza-sorriso, poi se ne presenterà un’altra in fotocopia, appena più alta. Lo chef arriva davvero: chiede, propone, costruisce. Le Dune, Mariano del Friuli. Il viandante vi plana per la prima volta. Mancanza…

Stelle

Serata di stelle, non solo Michelin. Lookande risale al piano alto della qualità scendendo i gradini che introducono a La Taverna di Colloredo. La sala del caminetto, mannaggia, era già prenotata. La compagnia del viandante si accomoda frente porta, non il top ma siamo in location d’incanto, non cambia poi troppo. All’aperitivo segue il saluto…

!

«Lo vogliamo mettere il punto esclamativo?». L’interrogativo suona strano dopo essere passati per il Trento Doc Dosaggio Zero, il Louis Roederer Brut, il Baron de Ladoucette, Collavini e Schiopetto. Ma la Cena degli uomini che ritorna dopo 9 anni Ai Turians, Villalta di Fagagna, non si stupisce del domandone. Ridimensiona quelle sacre bottiglie a punti…